martedì 16 ottobre 2007

Eternity II: lancio non convenzionale

Un rompicapo di 256 pezzi e una soluzione che va trovata entro il 31 dicembre 2008. In palio ci sono qualcosa come 2 milioni di dollari. Se nessuno dovesse riuscirci, la data sarà procrastinata di 12 mesi e poi di altri 12 ancora. Il puzzle si chiama Eternity II ed è commercializzato negli Stati Uniti e in Europa dalla Tomy, emanazione della casa madre giapponese. Per il lancio, la strategia di comunicazione ha escluso tutto ciò che potesse essere convenzionale per generare attenzione prima dell’arrivo nei negozi. Tanto è vero che l’advertising classico partirà solo il mese prossimo, a ridosso del Natale, quando gli scaffali saranno pieni. Ad occuparsene è stata la londinese Threepipe, una expertise che spazia dalle Pr alla brand experience alla sponsorship, coadiuvata dall’americana Southard Communications di Santa Monica. Un milione di dollari circa l’investimento complessivo. Primo passo la creazione di un sito, video virali e world of mouth su diversi blog e social networks, come Facebook, pubbliche relazioni, e-mail newsletter. Risultato: citazioni in oltre 5mila blog e vendite di oltre mille confezioni nella prima settimana di presenza negli stores Toys ‘R’ Us. Il ruolo centrale del web è stato voluto, poiché è convinzione dell’agenzia che, nell’epoca dell’engagement, le persone siano meglio disposte nei confronti di brand con cui possono aprire un dialogo ed avere un ruolo più attivo. Senza contare l’eco che si genera a cascata. A patto però, che a monte, ci sia la capacità di targettizzare l’audience. Non a caso sono sono stati selezionati i primi cento principali siti frequentati da appassionati di puzzle. www.eternityII.com, dedicato a dodici Nazioni, oltre a ricordare con un count down la deadline per conquistare il montepremi, fornisce spiegazioni e offre la possibilità di inviare a un amico un piccolo assaggio della sfida. L’Italia non è prevista. (via)

Dr_Who

Nessun commento: