giovedì 31 maggio 2007

Second Life: quale il futuro per le aziende


Ho letto in rete alcuni articoli riguardo Second Life (Mario Gerosa), soprattutto sull’utlilità che le aziende possono avere da una loro presenza nel mondo virtuale. Quello che emerge è, vuoi per l’effetto Buzz sull’argomento, una gran corsa da parte delle aziende ad essere “la prima azienda” di un determinato settore merceologico ad essere presente su Second Life. Bene? Male? Non so. Quel che vedo è che a valle della presenza, possibilmente in termini di “prima azienda del..” non accade più nulla di significativo da parte dell’azienda in termini di pianificazione della sua presenza nel mondo virtuale. SL - nel bene e nel male - è la piattaforma più Buzzettata: appunto per questo una strategia di approccio più profonda sarebbe richiesta. Utilizzare SL solo quale piattaforma per un semplice ritorno di immagine (quale se non la si gestisce?) rischia di trasformare le aziende in semplici hobbysti della piattaforma, perché prive di contenuto. La chiamo piattaforma e non gioco, perché è con questa accezione che SL andrebbe approcciata. Una piattaforma dalle grandi potenzialità, ancora inespresse, perché anch’essa deve evolversi: se sei in SL non necessariamente sei rintracciabile: se sei conosciuto in termini di aka bene, altrimenti è come non esserci. Come afferma Gerosa, sarebbe auspicabile creare un motore di ricerca più raffinato, che possa addirittura contemplare e calibrare le preferenze dell’utente. Se questo è lo “status quo” di SL, le aziende devono necessariamente ripensare il modello d’approccio per poterne trarre ad oggi i vantaggi, seppur limitati, in termini di gusti e tendenze affiancando queste informazioni ad elementi più quantitativi di una classica ricerca di mercato.

Dr_Who

mercoledì 30 maggio 2007

Brand e Scherma: binomio possibile


Si parla di una novità assoluta e senza precedenti nella brand comunication sportiva ed in particolare nella scherma. Grazie infatti
a nuove tecnologie e potenzialità messe a punto dalle aziende produttrici del materiale tecnico, sarà possibile promuovere un brand in modo orginale ed innovativo. La visibilità dello sponsor si realizza pertanto mediante i singoli atleti che saliranno in pedana con la maschera "brandizzata" e personalizzata. Di certo tale forma di comunicazione è esclusa in ambito Olimpico, poichè il codice della pubblicità varato dal CIO esclude tale ipotesi. Ma per tutte le altre gare, le porte restano "aperte" verso questo tipo di brand- comunication.

Iniziativa interessante, soprattutto per colpire una nicchia di clientela sportiva appassionata. Efficace direi: gli schermidori sono sempre inquadrati. Se si riuscisse, poi, a sponsorizzare anche la pedana, con le riprese dall'alto il cerchio si chiude.
Dr_Who

Condom Mobile


A prova di acqua, sudore, sangue, unto e quant'altro può sporcare un telefono cellulare, arriva il "preservativo" per telefonini. Lo produce una compagnia olandese, che lo propone agli utenti professionalmente a rischio: tinteggiatori, pittori, macellai, cuochi, meccanici. Stando ad alcune stime, sarebbero 68 milioni i telefonini danneggiati a causa dell'acqua o di vari tipi di sporco. Innovalife International Ltd è convinta che una "custodia" con spessore di 75 micron possa garantire una protezione da ogni dannosa eventualità. La particolarità di questa "skin" è che il suo utilizzo è simile a quello di un preservativo: si pone sul cellulare e la si srotola, avvolgendo l'apparecchio. Rogier van Camp, ideatore del prodotto (che somiglia in verità ad una comune pellicola trasparente da cucina) riferisce di avere avuto l'idea mentre tinteggiava una piscina in Francia. Sebbene da tempo siano disponibili foderine su misura per ogni tipo di cellulare, van Camp definisce questa soluzione più pratica "anche perché può essere veramente usata anche come preservativo". Il lattice utilizzato come materia prima, dichiara Van Camp, è 17 volte più forte di quello impiegato nella fabbricazione dei condom. Lo scotto da pagare è una perdita di qualità nell'audio, approssimativamente del 3%. Se utilizzato per il cellulare, naturalmente. (Tks Dario Bonacina).
Al di là di un utilizzo targhettizzato del "Condom Mobile", ritengo che il prodotto si presti benissimo ad essere un bellissimo strumento per azioni UnconventionalM, o quanto meno fare tendenza.
Scommettiamo che li vedremo presto sulle nostre spiagge?
Dr_Who

martedì 29 maggio 2007

Video Virale o Video Marketing?



Da vario tempo sui vari blog a tema emergono sempre più video definiti virali.

Posto qui uno dei tre video che Spotanatomy tratta in uno dei suoi post intitolato Viral (very) Clear





é uno dei tre video che Clear (quello dello shampoo anti forfora) ha realizzato per comunicare al target giovani e su nuovi media.
Mi chiedo: un video appena messo in rete, si può definire virale? Credo palesemente di no. Credo che lo si possa definire virale solo a posteriori, dopo che autonomamnete si diffonde, perchè ha le caratteristiche per diffondersi. Semplicemente perchè "ha le gambe": ha l'imprinting della viralità insita nel suo DNA. Un video raggiunge la sua definizione di "virale" quando - in modo molto semplice - è molto popolare; quando la maggior parte delle persone che lo vedono, non può fare a meno di segnalarlo ad un proprio amico, ad un conoscente e raccomandare di farlo girare. Perchè? Perchè stupisce, diverte e fa riflettere. Ecco, forse questi tre verbi stupire, divertire e riflettere sono gli elementi di quel DNA che un video deve avere per poter essere potenzialmente virale. Molto spesso mi capita di leggere - e l'ho anche riportato in alcuni miei post - che una azienda utilizzerà anche azioni di marketing virale, penso che gli ideatori di quella campagna mal instradano le aziende verso un approccio non convenzionale (UnconventionalM) che è qualche cosa di più complesso e completo di una semplice bella pensata.

Dr_Who

lunedì 28 maggio 2007

MarketingCamp sul 2.0



Il secondo MarketingCamp, la non conferenza
in nome di una nuova modalità di condivisione del sapere, si è svolto la scorsa settimana a Milano: 16 interventi si sono succeduti in modo informale
attorno al tema Innovazione e creatività: dalle
ricerche alla vision 2.0. “Le connessioni di menti
creano vibrazioni particolari: sono come tanti rivoli che portano acqua ad un unico grande fiume che è quello del Pensiero”, ha dichiarato Lorenzo Marini, illustrando il senso di questo secondo
MarketingCamp, ospitato nel cuore della sua agenzia in piena attività e capace di creare così un ulteriore nuovo modo di concepire l’incontro
e la location dello stesso. Il MarketingCamp è la
piattaforma sulla quale si sono incontrati pensieri diversi, talvolta apparentemente opposti ma che nel confronto hanno prodotto nuove intenzioni certamente innovative e contaminate.
Dr_Who

Blog Placement

Leggendo il blog di Roberto Venturini, sorrido nel trovare una involontaria formula di Blog Placement relativo a questo blog.
Ringrazio Roberto per l'involontaria ma gradita operazione.
Girovagando ne ho trovato un altro qui.
Anche in questo caso ringrazio per l'involontaria ma gradita operazione

Dr_Who

A me gli occhi, please!



Se bastasse questa frase per far andare le cose come vorremo, sarebbe troppo facile. Sarebbe troppo bello se ci trovassimo in ambiti aziendali. Si fa un gran parlare di social network, community e quant’altro. Per non parlare del fenomeno delle neo-tribe post moderne. Appunto un gran parlare. Ma tra dire ed il fare c’è di mezzo una gran confusione. In questi giorni di assenza dal blog, ho avuto modo di confrontarmi a diversi livelli sul tema, e la realtà che emerge è una completa distorsione del fenomeno, soprattutto da parte delle grandi aziende. Troppo orientate al prodotto. Ancora. Ritengono di operare in termini di tribe, ma ne ignorano completamente sia l’origine, che i tratti “rituali” che è necessario presidiare. Troppo orientate al prodotto. Ancora. Si rivolgono alle brand community sancendo che il loro prodotto sia uno degli elementi che le brand community possono utilizzare. Concetti di presidio delle tribe in termini di condivisione del “sentimento tribale” e di offrire legami piuttosto che merci, sono molto distanti dal pensiero di certi manager. Ingnorano il significato di “Valore del legame” e la necessità di permearlo in maniera riconosciuta e non imposta. Ignorano che le neo-tribù post moderne abbiano rituali ed elementi che supportano tali rituali. Se è vero che siamo all’anno zero in italia per quanto riguarda il marketing non convenzionale, ancor molto deve essere fatto. Per non ridurre approcci strategici di marketing non convenzionale in semplici attività promozionali, solo molto creative.

Dr_Who

mercoledì 23 maggio 2007

Express Yourself: Valtour dà spazio ai teens


Per la nuova Estate 2007 Valtur ha pensato di sorprendere i suoi ospiti con importanti novità tra cui: Express Yourself, dedicato a tutti ragazzi dai 12 ai 16 anni.
In sintesi è una piattaforma aggregativa per dar loro la possibilità di esprimersi liberamente. Assecondado la volontà di lasciare tracce tipica dei giovani, Valtur mette a loro disposizione uno spazio attraverso il quale potranno esibire il proprio talento con la musica, il ballo ed i graffiti lasciando appunto una traccia indelebile sul loro modo di interpretare la vita. I ragazzi durante la settimana di permanenza presso i villaggi Valtour avranno la possibilità di apprendere tecniche diverse che traggono origine dalla cultura Hip Hop, come il DJing, l'MCing o il Writing, per arrivare ai linguaggi più avanzati dell'ultima generazione. Un affascinante viaggio che parte dalla New York degli anni '70 e si proietta in un futuro che loro stessi scriveranno nelle metropoli del Terzo Millennio (via). Al motto di "Express Yourself: esprimi te stesso" Valtour sta riposizionandosi nel mondo giovani non creando engagement ad hoc, ma ritengo reinterpretandolo, traslando la logica del wiki - tipica della rete - fisicizzandola presso i propri villaggi.

Dr_Who

I dubbi su Second Life


Trasformo in Post una domanda che Crazy Marketing mi pone su Second Life chiedendo un mio parere. La trovo una buona piattaforma che si è evoluta nel tempo da semplice gioco on line a vera e propria Seconda vita con tanto di telegiornale. Purtroppo penso che stia entrando nella sua fase di maturità (è una mia sensazione); il fattore che mi suscita questo pensiero è sia il numero di iscritti a livello mondo (che non cresce più come prima, tranne in alcuni paesi) che non fa scopa con i cittadini assidui di SL, sia che vi è una certa proliferazione oramai palese di brand. La manifestazione Palese dei brand viene meno a forme Unconventionalm di approccio al mercato (meglio al cliente): se SL avesse mantenuto il suo spirito originario sarebbe cresciuta con un'alvea “elitaria”, una community nella quale si entra, ma ci sono regole precise. Una community con la sua personalità. Ecco, SL sta perdendo personalità e per questo, forse, è scontato trovarci aziende in modo Palese. Morris Gabetti (leggi il mio post al riguardo) secondo me ha interpretato al meglio le potenzialità di SL: studiare modi nuovi di vendere case e fornire nuovi servizi. Peccato che anche lui o meglio il suo brand si sia palesemente dichiarato. Ma SL ci insegna che è necessario cogliere la convergence culture contemporanea, dove ogni storia, marchio, relazione, proprietà intellettuale si muoverà sul maggior numero di piattaforme medianiche. E’ questa la vera opportunità.
Oltre a questi aspetti, il mondo virtuale, la terra di nessuno e di tutti a cui è possibile accedere con poco meno di 10 dollari, sta importando il peggio della vita reale.
Basta digitare Second Life su google e guardando randomicamente i vari link troviamo che su SL trovano ampio spazio prostituzione, droga, pedofilia. Verrebbe da dire “cose dell’altro mondo”, no: cose importate da questo mondo.
Dr_Who

martedì 22 maggio 2007

Su Second life l'informazione si chiama Sluub news

Si chiama Sluub news ed è il primo telegiornale italiano su Second Life. A proporlo è Sluub.com, il portale interamente dedicato al mondo virtuale abitato dagli avatar. Ogni settimana vengono proposti servizi su tutto quello che succede nel mondo del Linden dollar (la moneta che gli abitanti di Second Life utilizzano per comprare gli oggetti). Il format è quello televisivo, con tanto di sigla, logo, conduttore, lancio dei servizi. La redazione, dai giornalisti ai tecnici, è interamente composta da avatar. Questa settimana il tg parla delle polemiche sulle cyberviolenze e fornisce informazioni sui concorsi, sui nuovi locali aperti e sulle ultime mostre inaugurate nel mondo della "seconda vita" online.
Ecco l'ultima edizione



Dr_Who
Via

Dixan compie 50 anni



Dixan compie 50 anni, e festeggia il mezzo secolo con una pressione mediatica molto elevata che vede coinvolti tutti i canali RCS. Stampa quotidiana, periodica, free press, web, radio e pubblicità
esterna in sinergia tra loro. Il concept di tutta l’iniziativa è rappresentato da un vero e proprio viaggio nel tempo che racconterà al grande pubblico di oggi e di ieri come Dixan ha accompagnato la vita delle famiglie in questi 50 anni. Per questo sono state messe a punto da RCS una serie di iniziative speciali che si articoleranno sui vari media. Tra gli altri anche modalità "non convenzionali" - lo dico virgolettato perchè comunicare un non convenzionale tradizionale generalmente è un errore, ma in questo caso manca l'approccio di fondo - interagendo direttamente con i propri consumatori coinvolgendoli in diversomodo: invitandoli a inserire sul sito www.Dixan.it una propria foto che meglio rappresenti uno dei 5 decenni. Altra iniziativa speciale messa a disposizione di Dixan è quella che coinvolge il sito di Corriere della sera. Su Corriere.it, infatti, oltre ad una campagna di grande impatto, è on air una speciale pagina co-branded dove i pack storici Dixan dagli anni 50 ad oggi saranno associati alle prime pagine storiche di Corriere della Sera, riportanti uno dei principali avvenimenti accorsi in ognuno dei 5 decenni. . In questa data verrà messo a disposizione di Henkel uno Speciale Dixan di 4 pagine all’interno del Corriere della Sera interamente dedicato alla storia del brand ed ai suoi successi nel corso dei 50 anni. Previsto sul numero del 31 maggio anche un originale memostick celebrativo, in prima di copertina, atto ad enfatizzare ancor di più il grande compleanno Dixan. Nello stesso giorno, anche City, quotidiano free-press del gruppo RCS, scenderà in campo a fianco di Henkel mettendo a disposizione la sua creatività e flessibilità editoriale, attraverso uno speciale monografico di16 pagine, distribuito su Milano e Roma. Sempre su Milano e Roma ci saranno altre iniziative messe a disposizione per Henkel da IGP Decaux. Sono previste una serie di operazioni speciali nella Metropolitana di Milano, stazione di Piazza Duomo e a Roma nel tunnel di Piazza di Spagna. In questo contesto le 2 stazioni della metropolitana verranno vestite a festa con i soggetti Dixan che in parte rimanderanno alla campagna stampa per catturare l’attenzione delle migliaia di persone che transiteranno in quei giorni. Nelle pensiline alle fermate degli autobus di Milano, grazie a IGP Decaux Innovate sarà installato in cinque posizioni topiche, uno showscreen che permetterà agli utenti in attesa di godere della proiezione degli spot celebrativi del 50esimo anniversarioDixan.

Dr_Who

Via

lunedì 21 maggio 2007

Max apre su Second Life


Oggi il mensile lifestyle Max apre la sua sede virtuale in Second Life. I visitatori potranno trovare gigantografie delle copertine e degli ultimi calendari, comprare magliette (virtuali, da far indossare al proprio avatar), vedere in una sala cinematografica i video dei backstage e anche visitare la redazione.
La sede di Max in Second Life – ispirataarchitettonicamente alla struttura di un computer Apple vintage - è nella land di Pantalica e si raggiunge cercando sul “search” dell'interfaccia di Second Life le parole “MAX Redazione”. Second Life è il mondo virtuale di cui tutti parlano, creato dai laboratori Linden, che ha appena festeggiato i 6 milioni di iscritti.
Dr_Who

giovedì 17 maggio 2007

Inversioni di Marketing


Negli ultimi anni stiamo assistendo in italia a piccole manifestazioni di “inversioni di marketing” (definizione tratta dall’omonimo libro di Domenico Barili di qualche anno fa): messa in discussione di alcuni paradigmi ritenuti immutabili a favore di approcci differenti: non convenzionali . Queste inversioni al momento sono timide: da un lato la maggior parte delle aziende sono relativamente restie al cambiamento, dall’altro le agenzie che le supportano nel presidio tattico del mercato non spingono per accelerare questo processo. Alla base delle azioni non convenzionali – guerrilla, action, viral, buzz, wiki etc. – è necessario legare un approccio strategico di marketing non convenzionale. L’approccio strategico, quanto meno in italia ed in quest’ambito, la maggior parte delle volte non viene contemplato, limitando l’azione non convenzionale a meri supporti tattici. Gli approcci strategici di marketing non convenzionale calzano perfettamente nei mercati saturi, in cui i tassi di penetrazione sono molto elevati e rendono le aziende molto vulnerabili. Dove regna la cosiddetta ipercompetizione. L’errore che si commette in questi mercati è quello di mirare sempre più alla quota di mercato. Giusto. Ma forse è bene ripensare il modo con cui questa si guadagna, o meglio il processo che è necessario seguire per mantenere e guadagnare quote attraverso le azioni di win-back. Ritengo che il processo vada rivisto in termini di guadagno di quote di pensiero che poi si trasformeranno in quote di mercato. Molto probabilmente più stabili. In questo senso tutta la strategia di marketing va completamente ripensata e “invertita” sempre più verso una visione customer centrica e non customer peripheral come, diciamolo, almeno in italia, è sempre stata per la maggior parte. L’adozione di un approccio strategico di marketing non convenzionale aiuta a ripensare una azienda in tale direzione (inversione), rafforzando ed arricchendo logiche ed approcci CRM oriented. A questo punto le tattiche più note di action marketing citate poc’anzi, assumono una valenza ed una connotazione ben diversa da quella “meramente” operativa, introducendo nuovi concept d’approccio quale ad esempio il WnRM (Wiki neighbourhood Relationship Management). Il percorso è lungo ed articolato, ma presuppone una forte spinta al cambiamento (evoluzione) perché le “inversioni di marketing” portano con sè necessariamente nuove impostazioni di segmentazione e nuove metriche di controllo.

Dr_Who

Costa Crociere sbarca su Second Life


In occasione dell’inaugurazione di Costa Serena, la più grande nave da crociera italiana ed europea, Costa Crociere inaugura la propria presenza su Second Life. Il 19 maggio 2007 si svolgerà infatti la cerimonia di battesimo della nuova ammiraglia, evento che avrà a tutti gli effetti una duplice sede, una reale nella First Life presso il porto di Marsiglia e l’altra virtuale nel mondo di Second Life. Spinta da una forte propensione all’innovazione tecnologica che la contraddistingue nei processi aziendali, nella gestione, nella sicurezza, nella qualità e tipologia dell’offerta, Costa Crociere si avvicina sempre più all’utente internet debuttando, prima compagnia crocieristica, all’interno di questa comunità web ricreando un Palacrociere virtuale e la sua dodicesima ammiraglia. Con questa iniziativa Costa Crociere intende offrire anche ai “residenti” di Second Life l'esperienza virtuale di una vacanza con una nave Costa. Tutti gli utenti che si iscriveranno a secondlife potranno partecipare all’evento virtuale inaugurale creato per il battesimo della nuova nave con animazione, intrattenimento, festa con DJ, caccia al tesoro e spettacoli pirotecnici. Per tutti coloro che non hanno la “residenza” su Second Life, Costa Crociere ha sviluppato un minisito totalmente dedicato a Costa Serena per vedere la nave, interagire attraverso un blog e partecipare al concorso che regalerà una vera crociera su Costa Serena a chi darà la risposta più originale alla domanda “Cosa ti fa sentire come un dio in crociera?”.
Dr_Who

GAIA & LUNA - Come Vasco Rossi

Vasco Rossi: "Ho sentito la canzone delle due sorelline Gaia e Luna. L'ho trovata molto simpatica ed eseguita con grande professionalità. Faccio loro i miei complimenti", scrive Vasco, "La parola 'dio' mi ha lasciato un po' interdetto. Non vorrei essere 'sopravvalutato', qualcuno potrebbe rimanere deluso. Comunque sono orgoglioso di avere fan così giovani e brave alle quali auguro tanto successo".
Questo è il commento che Vasco ha rilasciato qualche tempo fa riguardo il video delle due piccole fans su YouTube.
Non penso sia un fake (non ce ne sarebbe alcun bisogno), ma sono curioso di vedere come andranno i dati in termini di Rating.
Al di là di tutto, la trovo molto simpatica e realizzata con grande professionalità.
Bravo il papà di Gaia e Luna.

Dr_Who

mercoledì 16 maggio 2007

Big Toy Sale



Dall'Australia un bell'esempio di engagement e shopping experience.

In un centro commerciale di Melbourne, per spingere l'acquisto presso il punto vendita Toy Sale, sono stati ingaggiati alcuni attori, vestiti da "big toys" con una grande mano che cingeva la loro vita. All'atto della performance, l'illusione era che la grande mano definisse i movimenti degli attori.

Un modo efficace e divertente per colpire direttamente il target d'interesse.

Dr_Who

Via

Teen World: VMM (Vietato ai Maggiori)


A Milano il prossimo 12 e 13 giugno, una bella occasione per scoprire l'universo parallelo che racchiude il mondo Teen.
Prodotti di culto: i teenager sono disposti a tutto per averli, anche a spendere. Ma quali sono questi prodotti? Come nascono? Come si affermano?

Servono nuove strategie di marketing, soprattutto digitale: quali sono le tecnologie più efficaci per conquistare i giovanissimi?

Tempi e luoghi dell’aggregazione sociale, dialettica individuo/tribù: dove troviamo i ragazzi? Come trascorrono il loro tempo? Che cosa cercano?

Sono cambiati i modelli che impongono ai ragazzi un certo modo di vestirsi, divertirsi, socializzare e stare in contatto con il mondo che li circonda: modelli da conoscere per capire come raggiungere i ragazzi e trovare nuovi spazi di business.

Orientarsi nel multiforme mondo degli adolescenti è interesse di molti, un giro d’affari in continua crescita che offre spunti di riflessione per tutti gli operatori che si rivolgono a questa tribù in movimento: indagare i comportamenti sociali, gli stili di vita e i modelli di consumo dei teenager è possibile scegliendo diversi punti di vista, per esplorare un interessante universo in evoluzione.
Dr_Who

martedì 15 maggio 2007

Never Hide viral



Posto integralmente quanto proposto da NinjaMarketing

"Quando un video caricato su YouTube il 6 maggio dall’utente neverhidefilms viene visto ad oggi 1.635.503 di volte, riceve 9.494 ratings e 9.066 commenti, credo che possa senza alcun dubbio definirsi a pieno titolo un video virale, perchè ha saputo in pochissimi giorni attirare l’attenzione di così tanti utenti da aprire le danze di un buzz coinvolgente. Sarà un fake, un videomontaggio o è veramente reale l’incredibile talento del ragazzo che fa volare ed atterrare perfettamente sul naso del compagno un paio di comunissimi occhiali? Qualche occhio esperto e più attento avrà subito notato l’improbabile casualità di un utente YouTube e di uno spazio su MySpace che coincide col claim di Ray Ban che realizza ben due video con performance e situazioni veramente incredibili.
Poco importa se alla fine qualcuno è riuscito a correlare la proprietà del video associandola ad una campagna virale della Ray Ban, quello che conta è che i numeri sono davvero impressionanti, i video continuano ad essere visti, segnalati e commentati ed il buzz si autoalimenta. I video realizzati sono due, il primo ha come protagonisti due ragazzi e le acrobazie degli occhiali, il secondo una fenomenale body builder che completa in pochi secondi il Cubo di Rubik. Quest’ultimo video svela palesemente il claim Never Hide al termine del video, ma il video dei Ray Ban acrobatici invece nasconde abilmente il claim.




Dr_Who

venerdì 11 maggio 2007

Samsung Millimetres Matter

Fantastico questo spot della Samsung per il lancio del Millimetres Matter, che racchiude in immagini incredibili un messaggino facile facile...

Lo spot realizzato da Viral Factory rappresenta veramente un buon lavoro, come al solito d'altronde(almeno a mio parere); creatività e fantasia sono le caratteristiche predominanti. Fattore molto strano: è stata realizzata l'home del sito di questo prodotto che però non dice nulla ed ha un solo link che lo redirect al sito europe samsumg mobile....???

A voi lo spot:



E a voi il giudizio per questo spot.

Non lo avevano previsto


L’inventore è il gallese Howard Stapleton. Il congegno si chiama “mosquito”, e produce una frequenza a 17 Khz, inaudibile agli adulti ma estremamente fastidiosa per i ragazzi, come un ronzio di zanzara dritto nell’orecchio; questa udibilità selettiva è dovuta alla presbiacusia, il fenomeno per cui dopo i vent’anni certi tipi di frequenza diventano impercettibili. Il mosquito è stato usato per tenere lontani i ragazzi da negozi, pub, alberghi e, di recente, per impedire ai writer di dipingere sul palazzo del municipio di Ginevra e, sebbene alcuni ne considerino l’utilizzo contrario ai diritti umani, ha fatto vincere a Stapleton l’IG Nobel prize 2006 (la parodia dei Nobel ufficiali) per la pace. La vera notizia, però, è che il mosquito è diventato un’arma nelle mani dei teenager. Il dispositivo è stato infatti applicato ai cellulari, in modo da creare suonerie che non dovrebbero essere udibili dai professori o dai genitori. Così è nato il fenomeno del Teen Buzz – o Mosquito Ringtone – che sta facendo impazzire gli adulti un po’ ovunque (c’è anche un sito da cui scaricare la suoneria gratis). Qui trovate un assaggio del famigerato suono. Se non riuscite a sentirlo, vuol dire che state invecchiando... (Via)
Ho postato integralmente l'articolo presente in rete (Via) perchè emerge fortemente la grande opportunità che un approccio WnRM offre alle aziende più sensibili. In questo caso la creatività dei ragazzi ha interpretato i plus del prodotto (non lo sentono gli adulti) per trarne vantaggio e per gestire un ambient in termini di social communication a loro sfavorevole (le ore di lezione a scuola). Meditate aziende, meditate ...
Dr_Who

Matchbox and UnconventionalM advertising

La Matchbox - nota azienda americana prodittrice di giocattoli - in vari momenti ha realizzato comunicazioni particolari con la propria clientela. Voglio ripercorrere con voi alcuni di questi momenti. Il primo momento che propongo è mirato a colpire direttamente i responsabili d'acquisto in modo UnconventionalM rispetto al target di riferimento



il modellino è praticamente invisibile (sotto il gluteo della modella), ma in questo modo il top of mind in termini di acquisto presso il negozio è assicurato (il bimbo: "papà mi comperi la macchinina?" il papà "quello della modella") Via.
Le ultime due forme di comunicazione sono prettamente di ambient e rigorosamente UnconventionalM



si

si evince palesemente una coerenza di fondo in un approccio innovativo nel presidio del mercato prima e del cliente dopo. Responsabile d'acquisto e Target primario sono ben stimolati.

Dr_Who

Via Via

giovedì 10 maggio 2007

A long way


L'approccio di marketing non convenzionale ha ancora molta strada da percorrere, almeno in Italia. Vi è poca sensibilità da parte delle aziende e, purtroppo, anche da parte delle agenzie. Non tutte. Non in tutte le aziende. Ovvio.
In questa settimana ho avuto modo di confrontarmi sugli approcci di marketing non convenzionale (aspetti strategici) con varie agenzie, e l'aspetto che mi ha colpito è l'errata interpretazione che alcune di esse danno al marketing non convenzionale (purtroppo ho incontrato evidentemente quelle meno competenti in tal senso). Lo inquadrano cone "elemento accessorio" all'interno di campagne promo più o meno declinate. Viene completamente meno il vero aspetto del marketing non convenzionale: la sua valenza strategica, il suo immedesimarsi e plasmarsi all'interno di una completa e complessa strategia di presidio del cliente (direi troppo di marketing plan, per i motivi di cui sopra). Il Valore (scritto apposta con la maiuscola) della relationship non viene considerato, e nelle ipotesi migliori, minimizzato. Il percorso è lungo e complesso, ma vale la pena percorrerlo reinterpretando il concetto di innovazione che tanto si dice ma poco si pratica.
Dr_Who

Su Glob per parlare di comunicazione e marketing

Per il mio primo post su UnconventionalM ho deciso di parlarvi di Glob l'osceno del villaggio, la mia trasmissione preferita, gestita, curata e condotta da Enrico Bertolino. Per gli appassionati di marketing e comunicazione la trasmissione va in onda tutti i venerdì alle 11.30 e unisce umorismo, analisi e tendenze della comunicazione, tant'è che due settimane fà hanno osipato Alex Giordano di Ninja Marketing proprio per esaminare le ultime tendenze del marketing non convenzionale riportando anche diversi esempi, tra cui il più CRAZY che abbia visto fino ad ora:
realizzato in Inghilterra (se non ricordo male) dove dei ragazzi per propagandare una marca di tavole da surf hanno lanciato un candelotto esplosivo in mezzo al laghetto per creare un'onda da surfare.
A voi il video per questo crazy unconventional marketing:



Il mio invito spassionato pertanto è quello di gustarvi questo venerdì la settima puntata di GLOB.

Guerrilla marketing per il sociale


Riporto un estratto di una bella applicazione di guerrilla a favore del sociale travata sul blog distruption
"Non calpestiamo i diritti dei lavoratori". La Provincia di Napoli lancia una campagna di comunicazione integrata con l'obiettivo di sensibilizzare la comunità sul difficile tema della sicurezza sul lavoro. Se si pensa ai dati del fenomeno sociale - un milione di incidenti l'anno di cui quattro mortali ogni giorno a livello nazionale - si rivela l'importanza di una campagna di questo tipo. Se poi, ai dati emersi, si aggiungono quelli nascosti, ovvero i cosiddetti "morti fantasma", gli invisibili che "non possono" denunciare gli incidenti, la necessità di comunicare queste vergogne cresce ulteriormente.
Vi rimando al blog per leggere l'intero articolo e visionare altre immagini.
Dr_Who

mercoledì 9 maggio 2007

Dr_Who con Crazy Marketing


Comincia oggi una collaborazione con Leonardo De Nardis, papà di Crazy Marketing: potete leggere Leonardo anche qui e Dr_Who anche su Crazy.
Anzi, vi posto il primo link.
Dr_Who

Power House Health Club


A New Delhi la Power House - fitness club and equipement - ha realizzato questa simpatica T-shirt per sensibilizzare gli indiani a fare attività fisica.
Il tutto attraverso una sit-show nella quale un uomo non riesce a muoversi in modo disinvolto perchè in sovrappeso. Sgonfiando la "pancia" con la valvola presente sulla maglietta, il problema è risolto.
Naturalmente sulla falsa pancia è riportato il logo del fitness club.
Anche qui un discreto engagement: sento, penso, agisco.
AGENCY: Euro RSCG, New Delhi
CLIENT/PRODUCT: Power House Health club
CREATIVE DIRECTOR: Satbir Singh
ART DIRECTOR: Gurdev Singh Sidhu
Dr_Who

AdOfDaMonth: Call for entry



Colgo l'invito che mi ha rivolto Dalbir Singh fondatore del sito AdOfDaMont nel postare uno dei due poster che sono stati realizzati per "pushare" il sito. Lo spirito del sito è quello di raccogliere le migliori pubblicità realizzate nel mondo e sottoporle ad una giuria internazionale che decreterà la pubblicità del mese.

Call for entries

AGENCY: Ogilvy & Mather Budapest

CREATIVE DIRECTOR: Dalbir Singh

ART DIRECTOR: Zsolt Molnar

COPYWRITER: Dalbir Singh PHOTOGRAPHER: Zsolt Molna

Dr_Who

martedì 8 maggio 2007

Don't Drink & Drive Awareness: Taxi

In Portogallo una bella attività di guerrilla per sensibilizzare a non mettersi alla guida se si è un pò brilli. A Lisbona sono state posizionate, su tutte le auto parcheggiate nei pressi dei locali notturni, dei prismi di cartoncino pesante che riportavano la scritta TAXI; sul retro l'invito a servirsi di un taxi se si fosse in grado di guidare. L'iniziativa ha avuto successo tanto da essere inserita nel planning di interventi della pubblica amministrazione. Ancora di nuovo un bell'esempio di engagement: sento, penso, agisco.

Via

Dr_Who

lunedì 7 maggio 2007

You Tube "valorizza" i suoi autori


-YouTube ha deciso di aiutare i suoi migliori utenti a guadagnare grazie alla loro passione. A cominciare da oggi, infatti, il popolare sito di video dà il via a un programma che metterà i creatori di alcuni dei più famosi canali YouTube sullo stesso piano dei maggiori partner media del social network, promuovendoli sulle sue pagine.
FAMOSI E PAGATI – Così, per esempio, anche la celebre Lonelygirl15, la sedicente adolescente che per mesi ha incuriosito la rete con i suoi video (poi rivelatasi essere un’attrice professionista di nome Jessica Rose, online per conto di un’agenzia cinematografica di Los Angeles) gode ora di rinnovata visibilità all’interno della sezione dedicata ai partner, accanto a nomi quali Warner Bros Records, Fox News, Nbc e Cbs. Così, riferisce NewTeeVee , Lonelygirl115 e i suoi pari riceveranno un compenso economico per i contenuti immessi in rete. Il denaro destinato a questo nuovo programma deriverà dalla vendita di spazi pubblicitari sul sito.
A CACCIA DI TRAFFICO – «Vogliamo che tutti questi talenti possano iniziare a guadagnare grazie alla propria creatività, e speriamo che questo invogli un numero sempre maggiore di utenti a creare contenuti originali», ha dichiarato Jamie Byrne, vice presidente della sezione marketing di YouTube. Un modo furbo per generare nuovo traffico sulle proprie pagine, insomma: gratificare economicamente gli utenti più gettonati per stimolare e motivare tutti gli altri a darsi da fare con la speranza di entrare anche loro a far parte del circuito dei partner, un domani.
Tks Alessandra Carboni Via
Dr_Who

Opel e l'interpretazione Parkour

L'ultimo spot della Opel Antara (on air in italia da alcuni giorni) ben interpreta lo stile parkour: un bell'esempio per rivolgersi attraverso i media tradizionali ad una delle tribe del nostro tempo. Da tenere d'occhio le "tracce" che Opel eventualmente lascerà in termini non convenzionali.

Dr_Who

venerdì 4 maggio 2007

Parkour

Riappropriazione dello spazio urbano: le new tribe sono già tra noi. Impariamo a conoscerle. La società post-moderna appare come un tessuto fatto di microgruppi in cui gli individui stabiliscono forti legami emotivi, una subcultura comune, una visione del mondo differente. Far parte di una tribù è diventato, per il soggetto, più importante che appartenere ai moderni gruppi di riferimento: ciò rende impossibile la classificazione secondo gli standard abituali. Il Parkour è una di queste. E' una disciplina fisica di origine francese. È l'arte dello spostarsi da un luogo ad un altro, più precisamente da un punto A ad un punto B in linea retta, superando le architetture urbane. Si saltano, quindi, gli ostacoli naturali che si incontrano nella città. Tale movimento avviene sotto forma di corsa, salto, arrampicata ed altre tecniche complesse; il fine ultimo nella pratica del parkour è di poter adattare il proprio movimento in ogni situazione o scenario in modo tale che gli ostacoli possano essere superati con la propria abilità.

Via

Dr_Who

Heineken Jammin' Festival


L'Heineken Jammin' Festival si prepara a riscuotere un enorme successo, anche per questa edizione 2007: già sono stati venduti, in prevendita, più di 140mila biglietti. Quattro giorni di musica, eventi e molto altro: dal 14 al 17 giugno presso il Parco San Giuliano di Venezia - Mestre. Le novità? Quest'anno l'area del Second Stage, il secondo palco realizzato appositamente all'interno del Parco, ospiterà oltre ai vincitori dell'Heineken Jammin' Festival Contest anche le performance di grandi artisti. Inoltre, sabato 16 giugno, dopo l'esibizione degli Aerosmith sul palco principale, il palco dell'area Second Stage ospiterà il concerto dei Finley: un esclusivo appuntamento live in cui l'acclamata band italiana presenterà il nuovo album. Per quanto riguarda l'Heineken Jammin' Festival Contest, creato per dare visibilità ad artisti e gruppi indipendenti, tra pochi giorni saranno resi noti i nomi dei venti vincitori finali di questa edizione, dei quali quattro si esibiranno sul grande palco e 16 saranno protagonisti sul Second Stage. Ma l'Heineken Jammin' Festival non è solo musica. Quest'anno sono tantissime le iniziative e le attività di intrattenimento.
Dr_Who

giovedì 3 maggio 2007

Guinness Duble Vision

In Canada la Guinness ha prodotto una serie di lattine Duble Vision a favore di una campagna sociale per evitare la guida in stato di ebrezza. Le scritte sulla lattina fingono l'effetto "double vision" che si ha quando si alza un pò il gomito; sulla base della lattina è riportata la seguente frase "Please don't drink and drive". Il lotto è stato riservato ai pub ed ai locali pubblici di Toronto. Una iniziativa di ambient che trovo particolarmente intelligente, che declina l'incipit dell'engagement: sento, penso, agisco.

Dr_Who

Via

La forza della Carta Stampata


La Rete sta "distruggendo" la carta stampata?
Nessun problema! Con una simpatica quanto diretta campagna pubblicitaria, la NNA (The National Newspaper Association) ha voluto ribadire l'importanza del quotidiano quale unico mezzo per approfondire gli argomenti delle notizie.
La simpatica campagna che si declina con vari visual, è stata sviluppata da Saatchi & Saatchi Brasile.
Dr_Who

Cultura su Second Life

Dal 20 al 22 aprile si è svolta la prima fiera del libro di Second Life. L’idea è nata dall’esperienza di Sheena Dewan (Vision Paperbacks and Fusion Press, UK), che a gennaio ha aperto su SL un piccolo negozio di libri, e da allora ha attivamente contribuito alla nascita del Book Publishing Village, una sorta di città dell’editoria.Nell’organizzazione la fiera virtuale è molto simile a quelle reali: oltre agli stand, sono previsti eventi e reading, ma diverso è il pubblico cui si rivolge. Gli editori coinvolti sono stati per ora poco meno di cinquanta; tra di essi si possono trovare nomi noti come Castelvecchi, Bantam, Penguin, Arcadia, Summersdale o Conte Verlag.
Via
Dr_Who

martedì 1 maggio 2007

UnconventionalM Cover


Ed ecco il promemoria del mese appena trascorso! UnconventionalM Cover di Aprile: lo smollest magazine che racchiude i principali post pubblicati ogni mese.
La caratteristica?
Solo una pagina: la cover, appunto per essere veramente smollest!
Utilità: memo dei principali argomenti trattati
Ed in più?
La sua disponibilità in rete assolutamente limitata: infatti il file ad alta risoluzione sarà disponibile per il download solo per 15 giorni, terminati i quali il file verrà eliminato.


Iniziate quindi la vostra collect.


DOWNLOAD HERE (disponibile fino al 15 maggio)

time out download: 15/05/2007
Dr_Who